Palazzo Canavese

Palazzo Canavese, Palass in piemontese, si estende su una superficie di 5,1 km² , si trova a 5 km dal Lago di Viverone ai piedi della collina morenica denominata "La Serra". Confina con i Comuni di Albiano d'Ivrea, Azeglio, Bollengo, Magnano e Piverone.

Il patrono del paese è San Genesio, al quale è dedicata la chiesa parrocchiale. Si coltivano il grano, la soia, il mais e sulla collina vi è la presenza di vitigni.

Storia

Le origini di Palazzo Canavese risalirebbero all'epoca romana, come confermerebbe il toponimo "Ad Palatium". Potrebbe far riferimento ad un insediamento presente nei pressi di un palatinum romano, un edificio dove venivano ospitati viaggiatori di un certo rilievo.

Inoltre, sono ancora oggi visibili i ruderi di una grande struttura muraria, detta "Carcelle", risalente probabilmente all'età tardo-imperiale; potrebbe essere stato il bastione di un castrum romano ed aver avuto un carattere difensivo. Sono stati poi rinvenuti materiali di costruzione della stessa epoca, riutilizzati per l'edificazione delle pareti della Chiesa di San Genesio, e il coperchio di un sarcofago, oggi posto a lato della Chiesa parrocchiale.

Il sarcofago, che dovrebbe essere quello di C. Atecio Valerio, è rimasto a lungo a lato della facciata della Cattedrale di Ivrea ed ora si trova nella cripta. Venne attribuito a Palazzo Canavese il titolo di San Genesio per la diffusione del culto del santo, grazie ai pellegrini, i quali hanno favorito anche lo scambio di esperienze religiose, artistiche e civili.

loading